“VIDEO” Franco Berrino: Osteoporosi, evitate il latte e i formaggi, fanno più male che bene!

“Per molto tempo, si è creduto che l’osteoporosi fosse legata alla carenza di calcio e all’incapacità delle ossa di fissarlo, ma in realtà non è così.

L’osteoporosi è una riduzione della massa e della densità dell’osso che in qualche caso può essere dovuta a una predisposizione ereditaria e che spesso si manifesta in forme secondarie dovute a farmaci corticosteroidi (cortisone etc.), ipertiroidismo, diabete e insufficienza gonadica.

Per molto tempo si è creduto che questa malattia fosse legata alla carenza di calcio, e all’incapacità delle ossa di fissarlo, di conseguenza i medici come terapia raccomandavano un’alimentazione ricca di latticini e l’assunzione di calcitonina, ormone che stimola la fissazione del calcio sulle ossa.

Più recentemente invece, alla luce di nuove ricerche, si è scoperto che l’osteoporosi deriva da un’insufficienza estrogenica più che da una insufficienza di calcio, per cui oggi alla quasi totalità delle donne in menopausa viene consigliata una terapia a base di estrogeni, perlopiù sotto forma di cerotti.

Inoltre è stato osservato che che quasi sempre negli individui che soffrono di osteoporosi, i livelli di calcio nel sangue (calcemia) sono normali. Più che a una carenza di calcio nel sangue dunque, l’osteoporosi sembrerebbe dipendere da una sua scarsa disponibilità. Questo perché la fisiologia dell’organismo funziona in base a precise priorità; una di queste è quella di assicurare costantemente un tenore adeguato del calcio contenuto nel sangue, indispensabile per mantenerne il ph neutro, l’attività muscolare (cuore compreso), la coagulazione del sangue ed altre funzioni vitali. Quindi il calcio presente in questa forma non è utilizzato dall’organismo per rifornire la matrice ossea, ecco perché il consumo di latte vaccino e dei suoi derivati non risolve il problema, ma anzi in alcuni casi può peggiorarlo.

In breve, i soggetti maggiormente affetti da osteoporosi, sono quelli in cui il sangue tende maggiormente ad acidificarsi a causa ad esempio di una cattiva alimentazione. In essi le ossa cedono sempre più sali di calcio nel sangue per tamponarne l’acidità equilibrando il ph, causando l’indebolimento delle stesse, e inserire altro calcio nel sangue (ingerendo troppi formaggi e latticini ed altri cibi ad elevato contenuto proteico) potrebbe acidificarlo ulteriormente costringendo le ossa a cedere sempre più sali di calcio. Detto ciò è facile intuire che formaggi e latticini vanno evitati perchè possono contribuire al peggioramento dell’ osteoporosi, ma questi non sono gli unici cibi da evitare.

Come vedremo nel video seguente il Prof. Franco Berrino dice chiaramente:

“Latte e formaggi non fanno bene alle ossa”.

Sottolinea come il rischio di fratture dipenda molto anche dalla carne:

“Più carne mangi più hai fratture, perchè la carne tende ad acidificare l’organismo, e le ossa cedono dei sali di calcio per tamponare questa acidità. Chi mangia tanta carne perde calcio dalle ossa, ed è soggetto a calcoli renali perchè elimina il calcio in eccesso dalle urine”.

 

Il rischio di fratture diminuisce col consumo di verdure:

“Più verdure mangi meno hai fratture, perchè le erdure alcalinizzano e quindi proteggono le ossa, al contrario dei formaggi, che sono sì ricchi di calcio, ma sono anche ricchi di proteine animali, che acidificano il sangue e fanno perdere calcio dalle ossa”.

Questi ed altri particolari nel seguente video di Franco Berrino. Buona visione:

Fonte: http://curarsiconlatanura.blogspot.it

loading...