Medicine, visite, accertamenti gratis. Come fare per avere l’esenzione totale anche dal ticket

ticket-esenzione

Non tutti sanno che in molti casi il ticket sanitario non è dovuto, in riferimento a situazioni di esenzione totale che fanno riferimento a reddito, gravidanza, invalidità, patologie che per l’appunto rendono tali visite del tutto gratuite.

Si tratta di una informazione sicuramente degna di nota, per questo vogliamo segnalarvi e fare chiarezza su quali siano le condizioni che consentono di accedere all’esenzione totale.

Come noto, le prestazioni medico-sanitarie per chi non ha l’esenzione dal ticket ha un costo che oscilla tra le 36 e le 66 euro sulla base delle regioni e delle prestazioni.

Alcuni cittadini però, appartengono a categorie che non devono nulla per tali prestazioni.

Tra questi, vi rientrano gli invalidi, le donne che sono in gravidanza e chi soffre di patologie particolari. Vi rientrano anche:

I pazienti che hanno meno di 6 anni oppure più di 65 anni nel cui nucleo familiare il reddito non va oltre i 36.151,98 euro;

I disoccupati e familiari a carico con un reddito annuo che si pone al di sotto degli 8.263,31 euro, oppure i disoccupati che hanno un reddito del nucleo familiare di 2 componenti con coniuge a carico che non va oltre gli 11.362,05 euro;

Coloro che percepiscono la pensione minima ed hanno compiuto i 60 anni assieme ai familiari a carico, nelle stesse condizioni di reddito precedentemente descritte;

I pazienti che ricevono assegno o pensione sociale, ed i familiari a carico di tali pazienti.

Inoltre, rientrano nei casi di esenzione alcuni esami per la diagnosi precoce che riguarda i tumori, oltre al test dell’HIV che è gratuito e anonimo per chiunque, e le donne incinta in alcuni casi specifici utili per portare avanti la gravidanza stessa.

Come ottenere l’esenzione?

Essa non è automatica, e al fine di ottenerla dovrete ottenere appositi certificati utili a verificare la vostra particolare condizione che vi permette di essere esentati dal pagare il ticket.

Per avere il certificato di esenzione per reddito, ad esempio, bisogna dapprima rilasciare un’autocertificazione all’Asl in cui si dichiara di avere i requisiti per non pagare il ticket.

Per la disoccupazione, tale esenzione va presentata ogni anno all’Asl, che provvederà a rilasciare un attestato apposito.

In generale, per la maggior parte delle situazioni in cui si rientra nei casi di esenzione, occorre rivolgersi all’Asl per ottenere i documenti utili a dimostrare di essere esentati dal pagare, ed in ogni caso è consigliabile rivolgersi sempre all’Asl di propria competenza per avere tutte le informazioni a riguardo. Fonte

loading...