I pericoli dell’ acqua in bottiglie di plastica che nessuno vi dice

Secondo una ricerca, l’acqua in bottiglie di plastica potrebbe causare cancro, diabete, deficit dell’attenzione, iperattività e autismo. Ecco perchè

Water from a water bottle is being poured out into a pool of water

La plastica è diventato il materiale più usato al mondo, superando di gran lunga legno, cemento e pietra e l’acqua nella plastica è un business da migliaia di miliardi di euro.
E’ per questo che non dicono che bere acqua dalle bottiglie di plastica non è poi così sano, come vogliono far credere ai consumatori.

Secondo una ricerca della NYU Langone, l’acqua delle bottiglie di plastica conterrebbe delle molecole che possono causare cancro, diabete, deficit dell’attenzione, iperattività, autismo, alterazioni della fertilità e del metabolismo, l’incremento di aborti, di difetti morfologici o funzionali alla nascita.

Tali molecole sono conosciute come EDC, Endocrine Disrupting Chemicals, un gruppo di sostanze chimiche conosciuto da tempo per essere in grado di interferire con il funzionamento del sistema endocrino.

Ciò accade perchè la plastica delle bottiglie, specie se riutilizzata più volte, rilascia sostanze nocive per il nostro organismo. Le più comuni sono gli ftalati ed il bisfenolo A, che vengono utilizzate perché le industrie le trovano utili e convenienti, senza pensare ai danni che a lungo termine provocano sui consumatori.

Come riferisce Dionidream:

Il Bisfenolo A o BPA è una sostanza chimica che squilibra gli ormoni che è stata collegata a una serie di gravi problemi di salute, tra cui:

  • Disturbi di apprendimento e comportamentali
  • Abbassamento del sistema immunitario
  • Pubertà precoce nelle ragazze e problemi di fertilità
  • Diminuzione del numero di spermatozoi negli uomini
  • Cancro alla prostata e della mammella
  • Diabete e obesità
  • In caso di gravidanza o allattamento, il bambino è a rischio. Se si sta alimentando il nostro bambino o bambina da una bottiglia di plastica, passa al vetro per evitare la contaminazione da BPA.

Ftalati – Gli ftalati sono ampiamente utilizzati nella produzione della plastica PVC. Gli ftalati sono sostanze chimiche che interferiscono il sistema endocrino e sono state collegate ad una vasta gamma di effetti sullo sviluppo e riproduttivi, tra cui:

  • Ridotto numero di spermatozoi
  • Atrofia testicolare o anomalia strutturale
  • Cancro al fegato
  • Inoltre, in esperimenti sui ratti, gli ftalati si sono mostrati bloccare l’azione degli androgeni fetali, che colpisce lo sviluppo nella prole di sesso maschile, che porta a criptorchidismo alla nascita e tumori ai testicoli più tardi nella vita.

Gli studi hanno anche scoperto che i ragazzi le cui madri avevano esposizioni elevate di ftalati durante la gravidanza erano molto più probabilità di essere meno mascolini e avere meno testosterone. Ancora un altro studio ha trovato che le donne incinte che sono esposti agli ftalati hanno dato alla luce più di una settimana prima rispetto alle donne che non sono stati esposti a loro.

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

loading...