Cosa succede al nostro corpo quando bevi birra?

seduta-verdure

Sicuramente vi sarete già accorti che il corpo reagisce in modo diverso a seconda di quello che si mangia. Per esempio, molti vanno meglio al bagno dopo aver mangiato dell’insalata. Al contrario alcuni cibi, come ad esempio hot-dog e hamburger, provocano stitichezza e costipazione. Esistono naturalmente delle spiegazioni scientifiche, su come e in quale misura determinati alimenti influenzano la nostra attività intestinale. Eccone alcune.

Frutta

La frutta non è solo deliziosa, ma anche salutare. Tuttavia, se consumata in eccesso, può condurre a problemi di tipo gastro-intestinale. Le ragioni sono da ricondurre al fruttosio, uno zucchero che il nostro intestino fa fatica a digerire, e che viene generalmente assimilato grazie a batteri presenti nel nostro intestino. La fermentazione della frutta nel nostro corpo produce generalmente gas, che può causare gonfiore e diarrea. Per questo, non si dovrebbe mai mangiare troppa frutta nello stesso pasto.

Dolci

A parte il fatto che i dolci presentano un elevato apporto calorico, oltre a contenere molti zuccheri e grassi, va detto che se mangiati in eccesso possono provocare un innalzamento del livello glicemico nel sangue. Durante la digestione, l’elevato apporto di zucchero può portare ad un’eccessiva fermentazione nell’intestino, e dunque provocare, così come per la frutta, gonfiore e diarrea.

Pane

Un bel panino condito con formaggio e salame non è solo il più gustoso degli spuntini, ma anche un buon toccasana per chi ha problemi intestinali. Naturalmente, lo stesso discorso non può essere applicato per chi è intollerante al glutine. Nel caso in cui vi troviate in un periodo di difficoltà, durante il quale colite e diarrea vi affliggono, dovreste semplicemente mangiare più pane. È stato dimostrato, infatti, che in particolare il pane bianco aiuta a combattere l’insorgenza di feci liquide. Ad ogni modo, vi consigliamo di non esagerare, perché assumere troppo pane potrebbe provocare l’effetto contrario, portando a costipazione e crampi addominali.

Alcol

Dopo una nottata passata a bere uno e più bicchieri, in molti si ritrovano a combattere con un forte mal di testa, e un generale senso di indisposizione. Alcuni lamentano anche un certo scombussolamento intestinale, che spesso conduce a diarrea. “Tutto questo accade” sostiene la Dott.ssa Kathlynn Caguiat, gastroenterologa, “perché l’alcol aumenta la mobilità intestinale, che crea problemi in fase digestiva fino a che l’alcol non arriva al colon”. I batteri presenti nel nostro intestino, dunque, sono impegnati a “processare” l’alcol assunto, con una conseguente produzione di gas. Questo lento e complesso processo conduce a diarrea e provoca flatulenza. L’unico rimedio sensato, per prevenire questi problemi, è dunque bere con moderazione.

Verdure

L’assunzione quotidiana di pomodori, peperoni, e molte altre verdure, è sicuramente un toccasana per la nostra salute. Anche in bagno. Mangiare più verdura, che sia cotta o cruda, aiuta ad integrare il giusto numero di fibre, che ci danno una marcia in più anche da quel punto di vista. L’elevato contenuto di acqua ammorbidisce le feci e garantisce un’esperienza complessivamente più naturale e piacevole. Tuttavia, come succede nel caso della frutta, non bisogna eccedere – perché quello stesso apporto di fibre, se assunto in eccesso, può portare a problemi gastro-intestinali. Senza considerare verdure come broccoli o cavolfiori, che causano gonfiore e flatulenza.

Carne rossa

Se vi sentite particolarmente gonfi, dopo aver mangiato, forse nel vostro pasto c’era della carne rossa. Nella carne rossa, infatti, troviamo un altro contenuto di ferro, che è processato dal nostro intestino con una certa difficoltà, provocando una digestione lenta e difficile. La situazione non migliora, per altro, quando alla carne accostiamo del pane. Soprattutto chi ama i fast-food, non sarà lieto di sapere che la combinazione carne rossa-pane bianco è particolarmente esplosiva, provocando costipazione e gonfiore.

Formaggio

Il formaggio può essere il più gustoso degli alimenti, nelle sue innumerevoli forme e varianti, ma anche il più pericoloso! Se, per esempio, vi rendete conto che dopo aver assunto del formaggio presentate disturbi come diarrea, costipazione e flatulenza, dovreste prendere in considerazione l’idea di fare un test per l’intolleranza al lattosio. Probabilmente lo siete, senza saperlo. Il lattosio, lo zucchero alla base del latte e dei latticini, è processato dal nostro organismo con una certa difficoltà, e può per questo provocare sintomi sgradevoli come gas, crampi e diarrea.

Bisogna sempre tenere a mente che ognuno di noi reagisce in modo diverso ai vari alimenti. È possibile, infatti, che qualcosa che per una persona è innocuo, venga al contrario digerito con difficoltà da un’altra. In questi casi, è molto importante cominciare ad ascoltare il proprio corpo, i propri ritmi e le proprie reazioni (anche e soprattutto in bagno). Se i sintomi persistono, vi consigliamo di consultare un medico specialista: non dimenticate che un’intolleranza, così come altre malattie, può essere la causa di ripetuti problemi gasto-intestinali.

 

loading...