Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio” – la sua risposta inaspettata fa piangere la madre

2016-11-09_1917

La figlia di Tara Woods, Norah, 4 anni, ha chiamato uno sconosciuto “vecchio”. L’uomo in questione ha sentito tutto, ma prima che Tara potesse rimproverare la figlia, il “vecchio” si è rivolto direttamente alla bambina.

La sua risposta ha sorpreso tutti i clienti, la madre inclusa.

La reazione inaspettata dell’uomo è stato l’inizio di una lunga amicizia. Quando Tara ha condiviso l’episodio su Facebook, il post ha fatto il giro del mondo.

Ecco che cosa ha scritto Tara su Today.com:

last1

“Avevamo molti progetti per il quarto compleanno di mia figlia.

Quel giorno sono andata a prenderla a scuola. Lei mi ha raccomandato di fare attenzione al signore anziano che stava attraversando il parcheggio a piedi.

Poi mi ha spiegato di avere un vero e proprio debole per le persone anziane: ‘Mi piacciono gli anziani perché sono lenti come me e hanno la pelle morbida come la mia. Moriranno presto, quindi hanno bisogno di essere amati.’

Un commento un po’ strano per una bambina di 4 anni, ma sicuramente veniva dal cuore.

Il giorno successivo, il suo compleanno, mi ha chiesto se potevamo fermarci al supermercato a comprare dei dolci.

Come potevo dire di no a una bambina che voleva festeggiare il suo compleanno?”

last2

“Norah era seduta su uno di quei carrelli che assomigliano a una macchina. Ci siamo subito dirette al reparto dei dolci. Poi qualcosa ha catturato la mia attenzione.

Norah si era alzata in piedi, nel carrello, e aveva iniziato ad agitare le manine: ‘Ehi, vecchio! Oggi è il mio compleanno!’

Prima che potessi riprendere Norah, dicendole che non si deve chiamare una persona anziana “vecchio”, lui si è fermato e si è girato verso di lei.”

last3

“Non sembrava imbarazzato o arrabbiato per la domanda di mia figlia. La sua espressione si è subito addolcita: ‘Ciao, bambina! Quanti anni compi oggi?’

Hanno parlato per qualche minuto, lui le ha fatto gli auguri e poi se ne è andato.

Dopo un po’, Norah mi ha sussurrato: ‘posso farmi una foto con quel signore per il mio compleanno?’

È stata la cosa più tenera del mondo! Non sapevo se lui avrebbe accettato, ma sono andata a chiederglielo.

Finalmente lo abbiamo trovato. ‘Mi scusi, mia figlia vorrebbe sapere se le piacerebbe fare una foto con lei per il suo compleanno.’

All’inizio l’anziano signore è apparso piuttosto confuso, poi molto felice.

‘Una foto? Con me?’ ha chiesto.

‘Sì, per il mio compleanno!’ ha risposto Norah.

last4

“L’uomo ha accettato. Allora ho tirato fuori il mio iPhone, mentre lui e Norah si mettevano in posa. Gli occhi di lui brillavano mentre lei gli stringeva la mano.

Norah gli ha baciato la mano, poi se l’è messa sulla guancia. Lui è scoppiato a piangere. Si chiamava Dan.

Eravamo circondati da altri clienti, ma nessuno ha fatto caso a noi. Era appena accaduto qualcosa di magico in quel supermercato. Norah e Dan si rivolgevano l’uno all’altra come due vecchi amici.”

last5

“Dopo qualche minuto, ho ringraziato Dan per essersi preso del tempo per parlare con mia figlia. Gli occhi gli si sono riempiti di lacrime: ‘No, grazie a voi. Questa è stata di gran lunga la migliore giornata da molto tempo. Mi hai reso felice, signorina Noah.’

Si sono scambiati un ultimo abbraccio, poi ci siamo separati. Noah ha continuato a guardarlo finchè non è scomparso dalla nostra vista.

Io ho fatto molta fatica a trattenere le lacrime.

Sono rimasta così affascinata dal loro incontro, che ho deciso di condividerlo su Facebook. Quindi ho pubblicato la storia e le foto.

Quella sera ho ricevuto un messaggio da una persona che conosceva Dan.”

last6

“La moglie, Mary, è morta a marzo. Da quel momento, è sempre stato solo. Voleva farmi sapere che la mia bambina lo aveva colpito molto. Era proprio quello di cui aveva bisogno e non l’avrebbe mai dimenticato.

Ho chiesto alla mia conoscenza il numero di telefono di Dan e il giorno dopo sono andato a trovarlo.

Si era rasato e fatto bello per l’occasione. Sembrava ringiovanito di 10 anni. Aveva preparato un tavolo per Norah con fogli di carta e delle matite colorate. Le ha chiesto se desiderava disegnare qualcosa da appendere al frigorifero, e Norah ha accettato volentieri.

Quel giorno abbiamo trascorso quasi tre ore con Dan. Lui è stato paziente e molto gentile con la mia piccola chiacchierona.

Prima di salutarci, Dan ha tirato fuori un coltellino e ha tagliato l’unica rosa sul portico. Ha impiegato 10 minuti per togliere con cura tutte le spine. Ora Norah tiene la rosa in una borsa sotto il cuscino.”

last70

“Norah chiede sempre di Dan. Si preoccupa per lui. Si chiede se sia solo, se abbia freddo o se gli manchi il formaggio per i suoi panini. Vuole che Dan stia bene e si senta amato.

Anche Dan pensa spesso a Norah. Successivamente ci ha rivelato che da quando è morta la moglie non riusciva più a dormire bene la notte, ma dopo l’incontro con Norah non ha più problemi di insonnia!

Ancora una volta mi sono commossa.

Ci sono 78 anni di differenza tra di loro, eppure è come se le loro anime si fossero riconosciute.

Io e mia figlia ci siamo promesse di andare a trovare Dan ogni settimana, anche solo per 15 minuti.

L’ho invitato a festeggiare il Ringraziamento con noi. Oramai fa parte della nostra famiglia. È uno di noi – io e mio marito abbiamo altri 6 figli oltre a Norah! Come dice lei, “dobbiamo amare.”

A volte, parlando con uno sconosciuto, possono nascere amicizie inaspettate.”

last8

Non a caso il post di Tara ha fatto il giro del web – condividetelo anche voi se pensate che Norah e Dan siano tenerissimi insieme!

via AttivoTV

loading...