Altro che salutari. Sulle nostre tavole 8 mele su 10 risultano essere contaminate! LEGGI

unnamed-3

Una mela a giorno al toglie il medico di torno? Non in questo caso… Infatti sulle nostre tavole potrebbero esserci mele contaminate da sostanze tossiche.

Una volta si diceva: “una mela al giorno toglie il medico di torno”…In realtà, oggi, se mangi una di queste mele, ti serve il medico per curare tutte le conseguenze di un’intossicazione da pesticidi!

Esatto, avete capito bene!
A pubblicare i dati è stata Greenpeace che ha analizzato 126 campioni di mele, provenienti da vari supermercati di 11 paesi dell’ unione europea, Italia compresa. Ben l’ 83 per cento delle mele prodotte sono risultate contaminate da pesticidi di vario genere, tra cui bioaccumulabili i quali hanno impatti negativi sulla riproduzione o altre proprietà pericolose.


Fatto sta che il 60 per cento di questi campioni sono state trovate due o più sostanze chimiche contemporaneamente. Mentre i test sulle mele biologiche non hanno evidenziato tracce di pesticidi dannosi per la nostra salute.
Le mele analizzate sono state prodotte in Austria, Belgio, Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Slovacchia, Spagna e Svizzera, e vendute nei supermercati dei rispettivi Paesi d’origine.
Solo il 17% è risultato privo di sostanze tossiche.

In poche parole dai campi, finiscono direttamente nella nostra pancia, molte volte all’insaputa del consumatore, il quale crede di mangiare prodotti salutari…

Sarà che i controlli sono poco presenti e quindi i coltivatori fanno un pò come vogliono, fatto sta che la nostra salute non è mai preservata e tutto questo è a causa dell’avidità nel guadagno!

Come si legge sul sito Panorama.it:
“In Italia
 le mele sono state acquistate presso le catene Auchan, Carrefour e Lidl e quelle biologiche al Naturasì.
Presso il supermercato Lidl oinvece, sono stati rintracciati tre pesticidi e la sostanza trovata più frequentemente è il THPI, un metabolita del fungicida captano.

PER APPROFONDIRE DI PIU’ CLICCA SUL LINK

via JedaNews

loading...